La Storia

La Cantina Colli del Soligo fu fondata nell'anno 1957 per volontà di un gruppo di viticoltori tutti accomunati dalla stessa passione per il Prosecco e per il loro territorio.

La Cantina si colloca a metà percorso lungo la "Strada del vino bianco" tra Conegliano e Valdobbiadene, alla base di splendide e ripide colline di origine vulcanica che raggiungono altitudini di 300-400 m. s.l.m. e solo 50 km separano la Cantina dalla splendida Venezia.

Va anche ricordato che a dieci minuti di strada c'è la famosa Scuola Enologica di Conegliano.

 

La Cantina si sviluppò in pochi anni e ai soci fondatori se ne unirono altri, fino agli attuali circa 660, con una produzione di uva che mediamente si è stabilizzata attorno ai 150.000 quintali per anno. L'85% dell'uva conferita è della varietà glera (conosciuta come Prosecco), il resto è costituito da pinot grigio, chardonnay, merlot, cabernet, raboso e pinot nero.

I vini rossi vengono prodotti nella zona del Montello, dove esiste un centro di raccolta uve e, dopo un invecchiamento in botti, vengono imbottigliati e commercializzati.

 

Circa il 60% della produzione totale viene imbottigliata, il rimanente viene venduto sfuso in zona per soddisfare le richieste degli imbottigliatori di Conegliano e di Valdobbiadene.

Tutti i vini a marchio Soligo offrono un'identità personale ben precisa, soprattutto gli Spumanti a base di Prosecco, seguiti da alcuni vini bianchi e rossi che vanno ad impreziosire l'intera linea di prodotti confezionati.

Questi risultati sono il frutto della passione e dello spirito associativo che dal lontano 1957 anima i nostri soci conferitori, vero patrimonio della Cantina.